sabato

ACID BEAUTY

E’ mattina presto, nel letto ancora assonnato guardo Edu che finisce di prepararsi per andare al lavoro; elegante come sempre, scarpe in capretto nero, calze in filo, un gessato in fresco di lana dal taglio asciutto e moderno, camicia wall street ed una cravatta sette pieghe.... e una moltitudine di capelli crespi, sempre scomposti, come in quelle foto  in B/N, che ritraggono  immigrati del '900 che, con la valigia sulle spalle andavano a cercare fortuna altrove.... come dire, poetico ma inadatto. 

Come risolvere questa annosa questione?
...La soluzione c'è.

Lo Stiraggio.

Intorno alla stazione Termini, ci sono moltissimi negozi gestiti da black people per black people e questo fa subito Harlem. Entro in uno di questi negozi e chiedo un kit per lo stiraggio: <quello forte per capelli da vero mandingo, da vero uomo!>, la commessa Africana mi guarda laconica e dice: <ci penso io>,  torna con una scatola fucsia, tutta fucsia, con una scritta oro Soft & Beautiful accompagnata da una foto di una bella signorina senegalese sorridente con capelli lisci e lucidi. Ho la conferma: lo stiraggio non è roba per mandingos.

E’ sera, Pedro comincia ad abbaiare: Edu sta salendo le scale ignaro, stanco ed è proprio facendo leva sulla stanchezza che lo convinco....


Siamo nel bagno, armato di pettini e liquidi puzzolenti do inizio alla “soluzione finale”.
Seguo le istruzioni alla lettera, passo crema e pettine accuratamente dalla nuca alla fronte, la puzza d’acido ci fa lacrimare gli occhi ed anche Pedro è scomparso dai paraggi. Edu inizia a lamentarsi sommessamente, lo sprono in maniera motivazionale  <Taci  mandingo!>.Tempo di posa: 20 minuti.
5 minuti dopo
Lui < Brucia!>, ora basta!  lo guardo fisso negli occhi e gli dico < Non è stato facile neanche per Beyonce, la bellezza è dolore. Pensa alle geishe ed ai loro piedini numero 12 !>.
16 minuti dopo
La pappetta è bollente, Edu preoccupato <sei sicuro che il procedimento è quello giusto, perché mi va a fuoco il cranio>. Ha gli occhi lucidi ed io gli credo, ma non mostro tentennamenti <mancano solo 4 minuti, pensa potrai sentire la sensazione del vento nei capelli...>
20 minuti Beeeep!!
Si butta sotto la doccia e comincia a sciacquarsi.
Si lamenta ed io decido di dargli una mano, il cuoio capelluto è fucsia, dello stesso colore della scatola del kit, Edu mi dice qualche parolaccia e io non mi oppongo...


James Brown, che di stiraggi se ne intendeva diceva "I capelli sono la prima cosa, i denti la seconda. Capelli e denti. Un uomo che ha queste due cose, ha tutto".

E' passata una settimana, le croste sono cadute e Edu mentre si fa il nodo alla cravatta, mi sorride e passandosi una mano tra i capelli mi dice < Adoro, la mia frangetta!>


PS: Siate comprensivi e provate almeno per un minuto  a mettervi nei panni di chi, questo  dramma lo vive mensilmente, la mia  solidarietà quindi va per il loro esempio di coraggio e stoicismo a Lenny Kravitz, Michelle Obama, Prince ...e Raffaella Carrà.


1 commento:

  1. Meglio delle mani sapienti la prossima volta

    RispondiElimina