martedì

TRA LA TERRA E L'INFINITO.



Rieccomi quà con la cintura allacciata il busto eretto, pronto all’ennesimo decollo.
Ritorno in Irlanda li c'è la mia seconda casa, li è dove vivo con il mio Edu.
Negli ultimi anni abbiamo vissuto divisi, io a Roma e lui a Dublino e  l'aereo è stato un po come per certi pendolari il treno.  Ed è  forse proprio per una forma di rifiuto a quella condizione precaria e instabile, che  ho sviluppato  una vera e propria paura del volo.
Lo so, statisticamente è il mezzo piu’ sicuro, pero’ è anche vero che se sei in auto e si rompe il motore o ti senti male puoi sempre accostare in una piazzola, mettere le quattro frecce e chiedere aiuto, se sei in aereo precipiti e basta.

…E’ questa idea del viaggio come percorso ineluttabile che mi spaventa, sospeso a svariati mila metri di altezza, tra la terra e l’infinito,  sono seduto solo con i miei pensieri e lo stato d’animo rispecchia esattamente la natura mistica e atea del dove mi trovo.

Il segnale si accende e l’hostess dal microfono ci avverte che stiamo passando in una zona di  turbolenza. Mantengo una calma apparente ma l’aereo inizia a tremare e a oscillare, a tremare e a oscillare sempre più forte, poi sobbalza e alcuni passegeri emettono piccole urla, poi perde  quota per alcuni secondi, poi riprende e sto male e mi immagino il momento dell’impatto al suolo, l'esplosione, le fiamme e tutto il resto. Osservo i volti disorientati e spaventati dei miei vicini di posto,  ho una paura fottuta e non è così che voglio morire, non è invasato dal terrore che me ne voglio andare, non è in questo modo che voglio scrivere la parola fine.
 Ho avuto una vita piena di cose belle e cose brutte, ho amato e amo e sono stato e sono amato, il senso della mia vita non lo determina la durata, ma la pienezza. Ho conosciuto la parola amore in tante sfaccettature, ho vissuto momenti cosi’ intensi che mentre ci ripenso  mi salgono le lacrime, depressioni cosi’ profonde da avere avuto voglia di morire sul serio e soprattutto, proprio quando ero lucidamente solo, ho trovato l’atra metà di me che ha  unito la terra al mio infinito.  Un altro scossone e sento una signora dietro di me piangere come una bambina,  mi inabisso nei miei ricordi che  prendendo forma  mi portano altrove fuori da li... Ora sono nitidi e colorati: Rivedo me e Edu  abbronzati e in moto sulle strade di terra battuta a Rodi, poi sul terrazzo di casa in una assolata estate romana,  ecco, vedo Edu mentre mi rincorre con la pompa dell’acqua e Pedro abbaia contento, io che lo risveglio con il caffè, Edu che mi tiene la mano stretta stretta mentre vengo ricoverato in ospedale... momenti che nell'urgenza ridiventano  preziosi, rimbalzano e mi distraggono, rimbalzano e mi allegeriscono.  Credo di non avere più paura di morire e neanche paura di lasciare, perchè se posso lasciare è la conferma  che ho avuto e forse più del necessario. Nel ventre di questo aereo barcollante, io resto seduto i miei occhi sono chiusi e ho un sorriso rilassato sulla faccia, le mie mani hanno smesso di sudare. Intorno a me  persone che a rallentatore si agitano e gridano, consapevoli che siamo tutti impotenti, consapevoli che stiamo tutti condividendo lo stesso destino; Si ora l'ho capito e’ cosi che voglio morire, è sorridendo e ringraziando la mia vita  che voglio cessare di esistere,  l'anziano signore di fianco a me stringe il mio braccio cercando conforto  e io la lascio fare...addio  Edu, addio unico amore mio.

La turbolenza è passata, la paura e l'imbarazzo pure, l’atterraggio è stato perfetto. 
Ho solo un bagaglio a mano, a passo svelto sorpasso i miei compagni di viaggio ancora frastornati, voglio solo uscire da li. 
Le porte scorrevoli si aprono  e c'è Edu ad aspettarmi.
 Il suo abbraccio preoccupato mi ha riconciliato con la terra, il suo bacio tenero con l'infinito e io, io  per questa volta continuo a vivere.

9 commenti:

  1. che meraviglia! :-)
    anche io ho provato cose simili. sempre paura di volare, negli ultimi mesi nei quali la mia vita è cambiata completamente in amore, non ho più tanta paura. è come se avessi relativizzato

    RispondiElimina
  2. grazie di aver condiviso i tuoi sentimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Isabella, grazie a te che mi leggi

      Elimina
  3. Si, Oscar anche secondo me l'amore Relativizza !!!

    RispondiElimina
  4. Dublino....tra tutte le città che ho visto è l'unica finora che vorrei rivedere...forse viverci...ma mi mnca coraggio e spinta...forse paura di perdere i miei posti e i miei affetti del quotidiano...boh...mi intriga Dublino....la voglio conoscere dippiù...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ilconto, Dublino è una città molto carina e più internazionale di quello che uno immagini, se ci vuoi tornare ,ti dico un po di posti giusti dove dormire, mangiare e andare a fare baldoria, e se ci sono anche io magari ci prendiamo anche una birra insieme. :)

      Elimina
  5. Buon anniversario ;-) e grazie per questo bellissimo post, molto intimo e delicato :-) spero di riuscire a visitare l'Irlanda prima o poi, magari con meno turbolenze :-P

    RispondiElimina
  6. Grazie Fabio, Visitare L'Irlanda , ne vale la pena, specialmente il sud... se venite a Dublin, ti do un po di dritte, su cosa fare e dove mangiare e magari ci si vede

    RispondiElimina