lunedì

COSE CHE DICO A BELLA, sull'organizzazione dei matrimoni....gay


Intervista per Bella a Alessandro Bentivegna, wedding planner di Same Love, prima agenzia in Italia specializzata in matrimoni gay

Di wedding planner ormai se ne trovano tantissimi, ma pochissimi sono professionali e bravi come voi. Potevate tranquillamente offrire un servizio più ampio, ma avete optato esclusivamente per il mercato GLBT. Come mai? 
Noi crediamo fermamente, che celebrare l'amore faccia bene all'amore, io stesso mi sono unito civilmente con il mio compagno in Irlanda e abbiamo organizzato due feste, una dal sapore Old fashion a Dublino e una festona Superpopular a Roma, con tutti i parenti e gli amici che non hanno potuto raggiungerci per la cerimonia. Quando in Italia sarà possibile il matrimonio egualitario, allora apriremo anche alle nozze etero; per adesso seguire anche burocraticamente quelle coppie che vogliono unirsi all'estero e simbolicamente in Italia, è una priorità che ci fa arrivare in ufficio ogni mattina con il sorriso sulle labbra. Per noi significa essere parte del cambiamento.

Si dice sempre che i gay hanno buon gusto ma se si rivolgono a un servizio di wedding planning per organizzare il proprio matrimonio allora non è vero che hanno tutti stile. così ci cade un grande mito! 
Sì, è giunto il momento di mettere grossi drappi neri alle porte e consigliare alle donne che pensavano bastasse avere un amico gay per essere alla moda di guardarsi allo specchio! Vestirsi come Lady Gaga alle 8 di mattina per andare in ufficio, non è sempre il massimo. Scherzi a parte, organizzare un evento richiede professionalità, cultura, senso estetico e carattere, io stesso, completati gli studi artistici, ho lavorato e lavoro come scenografo e costumista, sono stato per due anni il direttore artistico di un canale musicale, dove creare e seguire eventi era all'ordine del giorno. Il buon gusto da solo non basta. E poi il team con cui lavoro è composto prevalentemente da etero, grandi professionisti che hanno un'esperienza nel settore di oltre 50 anni (un valore non da poco) che, come me, credono in questa avventura.

Torta, vestito, tavoli ma anche legislazione. È complicato sposarsi all'estero e che tipo di servizio offrite in tal senso? 
Per chi vuole sposarsi o unirsi all'estero, ci sono una serie di pratiche burocratiche da seguire e che noi seguiamo per loro grazie alla consulenza di un team legale. Ovviamente ci sono paesi dove è meno macchinoso farlo ed altri invece dove serve anche la residenza. I futuri sposi/e partono dall'Italia conoscendo già lo stile e l'atmosfera della loro cerimonia e del loro party e sopratutto con l'abito giusto in valigia. Poi c'è Irene che è una esperta di viaggi di nozze che organizza delle esperienze da sogno, anche con un budget limitato.

Qual è il matrimonio più strano che avete organizzato? 
Io ho una alta tollerabilità rispetto alla parola 'strano'. Quello che per molti è considerato strano per me è solamente originale. Noi organizziamo eventi, all'altezza dei tempi e delle esigenze che viviamo, dal party in piscina con dj set e cibo esotico, al pic-nic sull'erba tra alberi secolari, cibo tradizionale e un quartetto d'archi a fare da sottofondo.

Da un grande esperto come te ci aspettiamo come minimo che ci consigli le 5 cose da non fare mai il giorno del proprio matrimonio... 
Le cose da non fare sarebbero molte di più, ma mi limiterò ad elencartene 5: 
1- iniziamo dalla sera precedente, evitate di festeggiare già dal giorno prima. Andare a dormire dopo aver bevuto vino, alcol e mangiato cibo pesante e quant'altro, vi renderà il giorno dopo, una persona irritabile, sudata e dal pessimo alito. 
2- non indossare mai le scarpe per la prima volta, usatele almeno un giorno, eviterete così brutte sorprese come vesciche e dolori. 
3- se al party ci sono molti bambini evitate di lasciarli ai genitori. Provvedete a chiamare una baby sitter che li farà giocare e avrà cura di loro, renderete così felici sia grandi che piccoli. 
4- se ci sono vecchi rancori in famiglia, evitate di mettere i parenti che si odiano vicini di posto sperando che facciano la pace per voi... il vostro wedding party potrebbe essere ricordato solamente per una violenta scazzottata alla Bud Spencer e Terence Hill... Anzi esortateli a mantenere un comportamento "urbano". 
5- la giornata è lunga, portatevi un necessaire con dentifricio, deodorante e cambio di intimo. Sentirsi a proprio agio tutto il giorno vi renderà più socievoli e disponibili, aggiungo pure: sia che siate quei gay omaccioni tutti d'un pezzo o che siate lesbiche maschione, almeno per quel giorno portatevi una confezione di cipria trasparente, per opacizzarvi all'occorrenza... quando rivedrete le vostre foto, mi ringrazierete! 

Ultima domanda: se in un matrimonio eterosessuale c'è solo una mamma dello sposo da gestire. come riuscite a sopportarne due? 
Fin'ora abbiamo avuto solo mamme discrete, ma all'occorrenza siamo già pronti ad allestire una piccola arena, dove le future suocere si batteranno nel fango e solo la vincitrice avrà voce in capitolo, mentre per la perdente spetta l'annoso compito di scrivere a mano tutti gli indirizzi sulle buste degli inviti! E' l'ironia che ci salva sempre.


www.samelove.it

grazie a Daniele Catena e Egizia Mondini





7 commenti:

  1. Una bella intervista! Bravo!

    RispondiElimina
  2. bravi bravi. mi fate venire voglia di matrimonio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oscar.... se hai un compagno, tutto si può fare :)

      Elimina
  3. Bella intervista! mi piace l'idea dell'arena delle suocere :-)
    Vedo che oltre ai balletti in salotto abbiamo un'altra cosa in comune, io ed alcune amiche infatti da poco più di un anno gestiamo un forum sul matrimonio.
    Buon lavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Autumn... ma è una figata , mandami il link
      un abbraccio
      Ale

      Elimina
    2. Volentieri!

      http://thebridesofa.mondoforum.com/

      Vieni a trovarci, io lì sono Rainyday ;-)

      Elimina