giovedì

CHIEDERE SCUSA...

Ho ritrovato una email di Edu, dopo un litigio a distanza, io a Roma, lui a Dublino era l'inizio del 2010 ed erano pochi mesi che si era trasferito, il peso della distanza a volte si faceva sentire prepotentemente, mettendoci alla prova. Non ricordo perfettamente il motivo del nostro litigio, ma ricordo che i primi mesi sono stati un esercizio sentimentale molto duro, una palestra di vita che ci ha uniti ancora di più... e dopo una lettera così sincera e amorevole, come non pensare di aver sposato l'uomo più degno e integro dell'universo?
rileggerla oggi è stato un tuffo nel cuore.

Ale mio,
oggi è  tutto grigio fuori e dentro.
Mi dispiace, perché  sono stato cieco, egoista, crudele.  Le lacrime faccio fatica a trattenerle. Tutto mi sembra distante e senza una reale importanza... tranne te.
La consapevolezza di averti ferito, di non averti curato, di aver preteso sempre di più, mi fa sentire un uomo piccolo piccolo.
Sono stati mesi duri per noi due, ed io ero completamente concentrato su di me, perdendo di vista te, la cosa più  importante delle mia vita. 

E tu, nonostante tutto, mi hai protetto, non hai messo altra legna sul fuoco, mi coccolavi, anche quando mi comportavo come un idiota. Grazie per la cura che hai avuto e per tutto questo amore, perché  questo è  amore nel senso più maturo.
...Scusa.
Scusa, perché  non mi sono mai accontentato e sempre preteso di più.
Scusa, per non aver saputo concentrarmi sulle cose importanti e necessarie,  fattibili.
Scusa, per non essere stato disponibile all'ascolto.
Scusa, per averti ferito... la dove sapevo.

Io scelgo di stare con te.
Perché  tu dai un senso a tutte le cose che succedono, tu rendi tutto quello che mi circonda bello, tu mi rendi felice, e rendi morbido quello che mi intristisce.
Tu sei il mio migliore amico, il primo e ultimo pensiero di ogni singolo giorno, tu sei la mia idea di paradiso, di bellezza, di gioia, di serenità .
Tu sei tutto per me, ed io ci sono e ci sarò sempre, perché  non riesco a pensare alla mia vita  senza te al mio fianco, non riesco a pensare di non condividere più  con te i piccoli episodi che ci fanno ridere o piangere, non riesco a pensarmi su una strada diversa da quella che immagino di fronte a me, la strada, che credo con tutto me stesso, sia la direzione che voglio la mia vita prenda.
Io voglio stare con te tutta la vita, fino al mio ultimo giorno. Voglio invecchiare con te, voglio ancora ridere e stupirmi ...insieme a te.


Sempre e solo tuo
Edu


3 commenti: